/

La Domenica dell'Ortodossia

DOMENICA DELL’ORTODOSSIA

LA LITANIA DELLA SACRE ICONE

Alla fine della dossologia (o al termine della Liturgia prima del canto “Sia benedetto il nome…”) ha inizio la processione delle Sante Icone, nel seguente modo:

Il Sacerdote dice dall’Ambone:

Un ringraziamento annuale è dovuto a Dio a causa di quel giorno in cui abbiamo recuperato la Chiesa di Dio, con la dimostrazione dei dogmi della vera religione e il rovesciamento delle bestemmie di malvagità.

A seguito dei detti profetici, cedendo alle esortazioni apostoliche, e poste le fondamenta sui testi evangelici, facciamo festa in questo giorno della dedicazione. Oggi facciamo festa in questo giorno santo, e facciamo festa insieme e gioiamo con preghiere e litanie, e gridiamo con salmi e canti.

Quindi inizia subito la Processione, uscendo dalla Porta Occidentale, mentre i cori cantano:

Τὴν ἄχραντον Εἰκόνα σου προσκυνοῦμεν Ἀγαθὲ αἰτούμενοι συγχώρησιν τῶν πταισμάτων ἡμῶν Χριστὲ ὁ Θεὸς·

La tua purissima icona veneriamo, o Buono, chiedendo perdono per le nostre trasgressioni, o Cristo Dio.

 

A. Giunti nella parte meridionale, si tiene la supplica per i vivi:

Il diacono:

Abbi pietà di noi, o Dio, secondo la tua grande misericordia: noi Ti preghiamo, ascoltaci ed abbi pietà!

Il coro: Kyrie elèison (3 volte)

Ancora preghiamo per i cristiani fedeli e ortodossi.

Ancora preghiamo per il nostro Arcivescovo… e per tutta la nostra fraternità in Cristo!

Il sacerdote:

Poiché tu sei Dio misericordioso ed amico degli uomini, e noi rendiamo gloria a Te, Padre, Figlio e Spirito Santo, ora e sempre, e nei secoli dei secoli.

Il coro:Amen.

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili ed invisibili.

Quindi proseguendo verso oriente, i cori cantano:

βουλήσει γὰρ ηὐδόκησας σαρκὶ ἀνελθεῖν ἐν τῷ Σταυρῷ, ἵνα ῥύσῃ οὓς ἔπλασας ἐκ τῆς δουλείας τοῦ ἐχθροῦ·

Volontariamente infatti Ti sei degnato di salire nella carne sulla Croce, per liberare chi hai plasmato dalla schiavitù del nemico.

B. Giunti a oriente, si tiene la supplica per i defunti:

Il diacono:

Abbi pietà di noi, o Dio, secondo la tua grande misericordia: noi Ti preghiamo, ascoltaci ed abbi pietà!

Il coro: Kyrie elèison (3 volte)

Ancora preghiamo per la beata memoria e per il riposo eterno delle anime pie di tutti coloro che si sono addormentati nella speranza della vita eterna, re, patriarchi, vescovi, sacerdoti, ieromonaci, ierodiaconi, monaci, monache, e per tutti i cristiani fedeli e ortodossi .

Il coro: Eterna memoria (3 volte)

Ancora preghiamo per la beata memoria e per il riposo eterno delle anime dei nostri padri e fratelli che hanno combattuto gloriosamente e sono caduti per la fede e per la patria.

Il coro: Eterna memoria (3 volte)

Il sacerdote:

Poiché Tu sei la Resurrezione, la vita ed il riposo dei tuoi servi che si sono addormentati, Cristo Dio nostro, e noi rendiamo gloria a Te, insieme al Tuo Padre senza principio e al santissimo, buono e vivificante tuo Spirito, ora e sempre nei secoli dei secoli.

Il coro: Amen.

E in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli. Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre, per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza, discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi, sotto Ponzio Pilato, patì e fu sepolto, e il terzo giorno è risuscitato secondo le Scritture. E’ salito al cielo e siede alla destra del Padre, e di nuovo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti, ed il suo regno non avrà fine.

Il sacerdote:

Per coloro che confessano con la parola, la bocca, il cuore e la mente, e sia con la scrittura e le icone l’avvento dell’incarnazione del Logos di Dio.

Il coro :Eterna memoria (3 volte)

Il sacerdote:

Per coloro che riconoscono in Cristo una sola ipostasi, diversa nelle essenze, e attribuiscono a quella ipostasi il creato e l’increato, il visibile e l’invisibile, il passibile e l’impassibile, il circoscrivibile e l’incircoscrivibile, e poi che applicano da un lato, l’essenza divina e increata e uguale, e dall’altro, confermano con parole e icone che la natura umana ha gli altri attributi che la accompagnano .

Il coro: Eterna memoria (3 volte)

Il sacerdote:

Per coloro che credono e predicano, cioè annunciano, dottrine per mezzo di scritti e le opere per mezzo di forme e li collegano in un unico annuncio, per cui la verità si afferma nella parola e nell’icona.

Il coro: Eterna memoria (3 volte)

Proseguendo verso la porta nord, i cori cantano:

ὅθεν εὐχαρίστως βοῶμέν σοι·χαρᾶς ἐπλήρωσας τὰ πάντα, ὁ Σωτὴρ ἡμῶν, παραγενόμενος εἰς τὸ σῶσαι τὸν κόσμον.

Pertanto, con riconoscenza, a Te gridiamo: Hai riempito di gioia ogni cosa, o Salvatore nostro, venuto a salvare il mondo.

 

C. Nella parte settentrionale, si tiene la supplica per i vivi:

Il diacono:

Abbi pietà di noi, o Dio, secondo la tua grande misericordia: noi Ti preghiamo, ascoltaci ed abbi pietà!

Il coro: Kyrie elèison (3 volte)

Ancora preghiamo per tutte le Autorità e per i nostri Governanti e per l’esercito amante di Cristo e per tutte le nostre benedette nazioni e nazionalità, affinché tra esse regni pace, concordia e amore.

Il sacerdote:

Poiché tu sei Dio misericordioso ed amico degli uomini, e noi rendiamo gloria a Te, Padre, Figlio e Spirito Santo, ora e sempre, e nei secoli dei secoli.

Il coro: Amen.

Credo nello Spirito Santo, che è Signore e da la vita, e procede dal Padre, e con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei Profeti.

Il sacerdote:

I Profeti lo hanno visto, gli Apostoli lo hanno insegnato, la Chiesa lo ha ricevuto, i Maestri hanno formulato in dogma e il mondo intero lo ha accolto. Così la grazia è rifulsa, la verità è stata manifestata, la menzogna è stata messa a tacere, la sapienza si è affermata apertamente e Cristo ha coronato tutto. Così noi pensiamo, affermiamo e predichiamo Cristo il nostro vero Dio e i suoi Santi. Li veneriamo nelle parole, negli scritti, nelle riflessioni, nei sacrifici, nei templi e nelle icone. Adoriamo e veneriamo Cristo come Dio e Sovrano. Onoriamo i Santi a causa del comune Sovrano come i suoi servitori generosi e tributiamo loro la venerazione conveniente.

Proseguendo verso la porta occidentale, i cori cantano:

Οὐρανός πολύφωτος, ἡἘκκλησία, ἀνεδείχθη ἄπαντας φωταγωγούσα τούς πιστούς˙ ἐν ὤἐστώτες κραυγάζομεν· τούτον τόν Οἴκον στερέωσον, Κύριε.

Cielo pieno di luce, la Chiesa è stata proclamata, illuminando tutti quanti i fedeli; stando in esso gridiamo: questa Casa, rendi salda, Signore.

 

D. Nella parte occidentale, si tiene la supplica per i vivi:

Il diacono:

Abbi pietà di noi, o Dio, secondo la tua grande misericordia: noi Ti preghiamo, ascoltaci ed abbi pietà!

Il coro: Kyrie elèison (3 volte)

Ancora preghiamo perché sia custodito questa Chiesa e questa città (monastero o isola) e ogni città e regione, dalla peste, dalla carestia, dal terremoto, dalle inondazioni, dal fuoco, dalla spada, dall’invasione di stranieri, dalla guerra civile e dalla morte improvvisa: e perché il nostro Dio buono e amico degli uomini ci sia propizio, misericordioso e pronto al perdono; perché distolga e dissipi ogni ira e morbo suscitati contro di noi, ci liberi dalla Sua giusta e incombente minaccia e abbia pietà di noi.

Il coro: Kyrie, eléison. (40 volte ogni dieci e alla fine 3 volte)

Ancora preghiamo perché il Signore nostro Dio ascolti la voce della supplica di noi peccatori, e abbia pietà di noi.

Il sacerdote a voce alta:

Ascoltaci o Dio Salvatore nostro, speranza di tutti i confini della terra e di quelli che sono lontano sul mare: e benevolo, sii benevolo con noi o Sovrano, verso i nostri peccati e abbi pietà di noi.

Il sacerdote:

Poiché tu sei Dio misericordioso ed amico degli uomini, e noi rendiamo gloria a Te, Padre, Figlio e Spirito Santo, ora e sempre, e nei secoli dei secoli.

Il coro: Amen.

Credo la Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati, Aspetto la resurrezione dei morti e la vita del secolo futuro. Amen.

Il sacerdote:

Questa è la fede degli Apostoli, questa è la fede dei Padri, questa è la fede degli ortodossi, questa è la fede che sostiene l’universo. Pertanto, per la gloria ed l’onore della fede, noi acclamiamo i predicatori che generosamente hanno combattuto per la fede e, come dei figli e dei fratelli, diciamo: Ai pii combattenti dell’Ortodossia, Re, Santissimi Patriarchi, vescovi, maestri, martiri, confessori, eterna sia la loro memoria.

Il coro: Eterna memoria (3 volte)

Il sacerdote:

Per la pietà e la grazia del grande e primo Sommo Sacerdote Cristo, nostro vero Dio, per la intercessione della gloriosissima Sovrana nostra, Madre di Dio e sempre Vergine Maria, degli Angeli che contemplano Dio e di tutti i Santi.Confortati dalle loro pie lotte sino alla morte, dalle loro sofferenze e dal loro insegnamento a favore della fede, supplichiamo il Signore che doni anche noi l’istruzione e la forza, e possiamo essere degni di diventare imitatori della loro vita divina.

Il coro: Amen.

 

Il sacerdote benedice l’ingresso nel tempio:

Benedetto l’ingresso dei tuoi Santi, in ogni tempo, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen.

E canta:

Qual Dio è grande, come il nostro Dio; Tu sei il Dio, il solo che fa meraviglie.

Ed il coro ripete il prokimenon due volte:

Qual Dio è grande, come il nostro Dio; Tu sei il Dio, il solo che fa meraviglie.

Τίς Θες μγας, ς Θες μν, σεΘες, ποιν θαυμσια μνος.

Cine este Dumnezeu mare, ca Dumnezeul nostru; Tu eşti Dumnezeul care faci minuni.

Кто Бог велий яко Бог наш; Ты еси Бог творяи чудесаю.

 

E subito il coro canta Sia benedetto il Nome… e si fa il congedo.-

Novità

Contatti